E’ possibile criticare Hahnemann?

Dr. Franz anton Mesmer

Noi pensiamo che Hahnemann, il medico ‘inventore’ dell’Omeopatia, sia il personaggio storico più danneggiato dalla troppa ‘agiografia’ (*) che si è fatta su di lui. La troppa celebrazione ne rovina il profilo e ne deforma la memoria. Sicuramente il Dr Hahnemann era una persona di qualità e uno studioso geniale, tanto da individuare una tecnica terapeutica ancora oggi viva ed utilizzabile. Ma Hahemann, per quanto geniale, è anch’egli figlio del suo tempo, con i limiti che la medicina e lo studio dei fenomeni biologici che comportavano le conoscenze del suo tempo.
Un esempio è la citazione che fa nel suo Organon dell’Arte del Guarire, della figura di un medico molto famoso del suo tempo, il Dr Franz Anton Mesmer che all’epoca fu molto criticato e avversato fino alla derisione. Nonostante tutto, questo medico operò ed ebbe un gran seguito sia a Vienna che a Parigi, ma a Parigi non fu mai neppure voluto sentito dall’élite scientifica del suo tempo, sicuramente per la poco plausibile originalità delle sue idee, ma anche un po’ per invidia del suo successo. Hanemann ricorda tutto questo e cita il ‘magnetismo animale’ del Dr Mesmer come un esempio di validazione della sua ‘forza vitale’.
Vista con gli occhi di oggi tutta la questione fa sorridere e certamente per chi conosce l’Omeopatia il Dr Hahnemann non perde il suo valore, ma indicarlo come un genio incompreso e giusticare ogni sua affermazione come verità rivelata significa dimenticare l’evoluzione della conoscenza e l’ingegno umano seppur del quale il Dr Hahnemann era molto dotato.
Hahnemann riporta la sua ammirazione per il Dr Mesmer nei §§ 288 e 289 dell’Organon.
Abbiamo commentato questi paragrafi e li abbiamo ricontestualizzati non perdendo di vista le conoscenze attuali, ne è venuto fuori un minicorso molto interesante.
Se volete potete dare uno sguardo al programma del corso da qui e se non siete ancora iscritti alla piattaforma e volete iscrivervi cliccate qui (ricordatevi di spuntare la casella DO-288).

____________________
(*)  agiografìa s. f. [der. di agiografo]. – 1. Letteratura relativa ai santi, caratterizzata, in genere, da intenti di edificazione; studio critico di questa letteratura. 2. Per estens., il termine è anche usato a designare, con tono più o meno polemico, la letteratura, o più in genere quell’atteggiamento sentimentale che tende a svolgere narrativamente motivi leggendarî intorno a una personalità della storia politica o religiosa, sentita ed esaltata miticamente: a. risorgimentale, a. laica, ecc.

(Citazione presa dal sito della Treccani.)

(L’immagine di Anton Mesmer è presa da wikimedia)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *